English Site Sito Italiano
News
Per il Medico Oculista
Per il Cittadino




 


 


 


 

Visualizza le modalità di iscrizione/rinnovo della quota associativa

Assistenza del Medico Anestesista

Elenco dei Centri Chirurgici che prevedono l'assunzione in carico del paziente da parte del medico anestesista (in aggiornamento)[scarica elenco]

Richiedi il Patrocinio SOI

SOI intende incoraggiare gli eventi che promuovano il benessere visivo nel paese. Per richiedere il Patrocinio SOI, è indispensabile presentare le proposte almeno 4 mesi prima dell'evento. [read more]

CERSOI
Certificazione Qualità

Specializzata nel settore oftalmologico, CERSOI certifica la qualità del medico oculista. [read more]

Il Sindacato ASMOOI

ASMOOI è l'Associazione Sindacale dei Medici Oculisti e Ortottisti italiani, nata per rappresentare gli interessi della categoria professionale degli oculisti e ortottisti.[read more]

INDEXOfta

Il portale degli eventi Oftalmologici Italiani[read more]



Comunicato sulle complicazioni della chirurgia oftalmica
08 luglio 2013

Cari Soci,
esercitare diligentemente  la professione di medico oculista in Italia sta diventando sempre più complesso ed impegnativo a causa dell’aumento del carico di responsabilità (che non dovrebbero essere di nostra competenza), che ogni  giorno ci ritroviamo sulle  spalle. 

A seguito  di un caso di endoftalmite conseguente ad un intervento di cataratta che si è verificato a Roma (leggi articolo ll Messaggero , leggi articolo Quotidiano Sanità ) si sono subito attivate commissioni di indagine sia del Ministero della Salute che della Presidenza della Regione Lazio, per poter spiegare come mai per un “banale intervento di cataratta” sia stato possibile mettere a rischio la vista di un occhio di un paziente.
SOI ha diramato un comunicato allo scopo di informare chi informato non era circa il positivo contenimento del  numero delle complicazioni (leggi comunicazione Presidente SOI ) che si verificano  oggi nella chirurgia della cataratta.
Ritengo utile condividere con voi quanto segue:


a)    Nel riconfermare l’enorme valore del rispetto delle linee guida SOI per la prevenzione delle endoftalmiti  a sostegno della posizione del medico oculista coinvolto in questo tipo di evento avverso, evidenziamo  l’eccezionale pericolosità di comportamenti non  rispettosi delle norme di legge inerenti l’utilizzo del monouso. E’ positivo riscontrare che ormai stiamo parlando di situazioni isolate e sempre più ridotte , ma alcuni comportamenti errati che si erano relativamente diffusi all’inizio della facoemulsificazione come l’utilizzo plurimo della cassetta con i relativi tubi cambiando solo la punta ad ogni intervento non hanno più possibilità di attuazione pena l’assunzione di responsabilità senza scusanti da parte del chirurgo operatore. Top electric unicycles for sale. Ne consegue che, in tali casi, a fronte di un determinato numero di interventi effettuati dovranno corrispondere un esatto e corrispondente numero di cassette utilizzate. Il fatto che l’azienda ospedaliera non sia disponibile a spendere il necessario deve implicare obbligatoriamente l’astensione dall’effettuare la chirurgia, ovviamente motivando per iscritto le ragioni di tale grave decisione. Tutte le commissioni che saranno attivate avranno specifica competenza e capacità di individuare tutti i comportamenti difformi dalle regole stabilite. Inequivocabilmente, la responsabilità di una inadeguata applicazione delle norme oggi ricade sempre e solo sul chirurgo operatore.

b)   Purtroppo, si evidenzia che ad aggravare la situazione di ingiusto disagio in cui oggi si viene a trovare il medico oculista da parte dei media e delle istituzioni, ci sono singoli comportamenti di Colleghi oculisti che incredibilmente diffondo affermazioni e giudizi non rispondenti al vero, privi di qualsiasi sostegno da parte della medicina basata sulla evidenza scientifica, ed in ultima analisi anche del comune buon senso (leggi articolo ).

c)    E’ fondamentale  un appello rivolto a tutti gli oculisti italiani affinché si attivino a difesa della possibilità di esercitare la professione con serenità e fuori dagli equivoci comportamenti di parte finalizzati ad obiettivi non condivisibili. Se è vero che in un Paese democratico ognuno ha il diritto di esprimersi liberamente, è altresì vero che chi dirama affermazioni infondate se ne assume la responsabilità sia scientifica che sociale, 2 wheeled scooter, rispondendone personalmente in ogni sede e luogo.

In questo una comunità scientifica ha il dovere di difendere la propria professionalità da affermazioni non vere o sbagliate, prendendo le distanze da chi per meri fini personali crea un danno diretto a tutta la comunità. E’ ora che la comunità degli oculisti prenda posizione.

Al resto ci penserà la SOI.




[Back]